Chi Siamo

Siete nel sito  della Società Filosofica Feronia – Sezione di Latina della Società Filosofica Italiana, costituitasi in data 19 dicembre 2011 e avente sede sociale presso il Liceo Statale “G.B. Grassi”, Via S. Agostino, Latina.

La nostra è un’associazione culturale non a fini di lucro, che condivide le finalità e gli obiettivi della Società Filosofica Italiana, che ha approvato la sua costituzione come sezione nella seduta del Consiglio Direttivo di maggio 2012. I soci della nostra associazione condividono la necessità di promuovere la ricerca filosofica sul piano scientifico, la valorizzazione e la tutela della professionalità dei docenti di filosofia e la loro qualificazione anche mediante corsi di aggiornamento, conferenze e convegni, l’incontro e la collaborazione fra i cultori italiani delle discipline filosofiche e centri locali di studio, l’incontro e la collaborazione fra i cultori italiani delle discipline filosofiche e quelli di altri Paesi, lo sviluppo e la diffusione della cultura filosofica nella società civile, con particolare attenzione alla formazione filosofica dei giovani. I soci condividono in modo particolare la necessità della diffusione della cultura filosofica presso i giovani del nostro territorio e presso gli alunni delle scuole medie inferiori e superiori di Latina e provincia.

Perché Feronia?

Vincenzo Monti, il poeta neoclassico caro alla corte papale alla fine del   1700, vuole celebrare l’opera di prosciugamento delle paludi pontine tentata da Pio VI. Visita perciò quei luoghi inospitali e scopre che vicino a Terracina c’è una fonte già cantata da Orazio, la fonte Feronia. Subito vi tesse intorno il suo sogno mitologico, immaginando una ninfa Feronia che regnava lì, su pianure fertili bagnate da acque purissime, ed aveva il privilegio di essere amata dal padre degli dei.  Giunone, gelosa, fa in modo che quelle terre fiorite vengano devastate dal fuoco e dall’acqua, e divengano squallide e malsane. Ma Feronia, povera e fuggitiva, riceve in sogno la promessa di Giove:

“Calma il duolo, Feronia, immoti e saldi

stanno i tuoi fati e le promesse mie;

né ingannator son io né si cancella

mai sillaba di Giove. Ma profonde

sono le vie del mio pensiero, e aperta

a me solo de’ Fati è la cortina.

Non lagrimar sul tuo perduto impero:

tempo verrà che largamente reso

tel vedrai, non temerne, e i muti altari

e le cittadi e i campi e le pianure

dai ruderi e dall’onde e dalla polve

sorger più belle e numerose e colte. ”

FERONIA, come progetto di una vita più bella, che nasce dall’immaginazione e dalla consapevolezza della continuità, ci è sembrato un nome beneaugurante per la filosofia.